Libri in simboli della CAA: tutto quel che serve sapere

Tutto sui libri in simboli

libri in simboli banner

Cosa sono i libri in CAA? Come si leggono, e perché? La risposta a queste e altre domande sui libri in simboli.

I libri scritti nei simboli della CAA sono libri in cui alle parole del testo alfabetico corrispondono simboli grafici

La componente testuale può essere sottoposta a una simbolizzazione parola per parola o, in alternativa, alla traduzione in simboli dei concetti principali

Inoltre, nel caso degli albi illustrati per l’infanzia, il testo è accompagnato anche da illustrazioni.


pesciolino d'oro

Indipendentemente da tutte queste caratteristiche, i libri in simboli della CAA sono innanzitutto libri: belli, colorati, divertenti, educativi

E infatti, proprio come i libri tradizionali, i libri in CAA possono trattare di qualsiasi argomento ed essere letti in qualsiasi momento. Sono rivolti a chiunque abbia voglia di leggerli, senza alcuna distinzione.

I simboli utilizzati nei libri in CAA 

I simboli grafici rappresentati nei libri appartengono a famiglie di simboli utilizzate nell'ambito della Comunicazione Aumentativa Alternativa per consentire anche a chi non può parlare di comprendere e comunicare. 

Di conseguenza, i simboli presenti in questi libri sono già in parte conosciuti ai piccoli lettori che sfogliano le pagine di un libro di questo tipo.

> SCOPRI DI PIU' SULLA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA <


Il vantaggio unico dei libri in simboli

Proprio come i libri tradizionali, i libri in CAA intendono offrire un momento privilegiato di interazione, scambio comunicativo ed esposizione al linguaggio

Tuttavia, con un libro in simboli abbiamo un ulteriore vantaggio: la presenza di un supporto alla comprensione attraverso il simbolo grafico. Questo tipo di supporto risulta sicuramente fondamentale nel caso di bambini con bisogni comunicativi complessi, ma in realtà è utile per ogni bambino!

Infatti, grazie ai simboli, anche i bambini in età prescolare che non hanno ancora imparato a leggere possono avventurarsi in una prima esperienza di lettura autonoma, servendosi dei simboli per ricostruire la storia che hanno sentito leggere a un adulto. 

L'utilità dei simboli grafici non si limita però al contesto dei bambini! Essi sono anche un forte alleato delle persone straniere alle prime armi con una seconda lingua. Loro possono servirsene per intuire e poi imparare nuovi termini, per interagire quando non conoscono una parola, o per gustare meglio una storia che altrimenti rimarrebbe muta. 

Ci sono quindi alcune opportunità che solo i libri in simboli sono in grado di offrire

I libri in simboli offrono l'opportunità di essere davvero insieme, seppure con abilità diverse. L’opportunità di interagire l’uno con l’altro, seppure con modalità comunicative diverse. L’opportunità di condividere mondi, immaginari. Ma soprattutto, l’opportunità di poterseli raccontare, anche senza parlare.


Come si legge un libro in CAA?


La metodologia di lettura costituisce la differenza principale tra libri in simboli e libri tradizionali.

Per leggere libri di questo tipo è necessario fare il cosiddetto "modeling". In altre parole, il lettore (che in fase iniziale coincide con l'adulto) indica i simboli ad uno ad uno, “saltellando” con il dito indice sul foglio, facendo attenzione a non coprire né il testo né il simbolo.

Il modeling aiuta a stimolare l’attenzione e la concentrazione della persona a cui si legge il libro, a coinvolgerla durante la lettura e a facilitare l'associazione tra parola orale e simbolo grafico

Ciò non significa che la lettura debba diventare artificiale o rallentare: la velocità di lettura rimane quella consueta e desiderata; è il dito che deve imparare a seguire il ritmo della voce! Fare pratica con il modeling prima di iniziare con la lettura di un nuovo libro in simboli diventa quindi fondamentale.  


tombili


> GUARDA IL NOSTRO VIDEO SULLA LETTURA DI UN LIBRO IN SIMBOLI <


Il fenomeno dei libri in simboli della CAA

I libri in simboli si stanno diffondendo sempre più nella nostra penisola, sia nella forma di titoli pre-esistenti riadattati in questa nuova forma, sia come fenomeno editoriale vero e proprio.

La diffusione dei libri in simboli in Italia inizia nel 2006 grazie alle biblioteche che, guidate dal Centro Sovrazonale di Comunicazione Aumentativa e dal Centro Benedetta d’Intino, iniziano la produzione di libri modificati con testo in simboli, con l'intenzione di offrirli al fianco dei libri tradizionali.

Quella che è iniziata come la produzione di libri modificati ad opera di bibliotecari e clinici si è poi trasformata in una vera propria rete di biblioteche che, sotto la guida del Centro Sovrazonale di Comunicazione Aumentativa, rendono disponibili al prestito centinaia di titoli pazientemente confezionati rigorosamente a mano (tanto dai bibliotecari quanto da volontari).

A quest'attività si unisce quella di diverse case editrici, che ogni anno pubblicano nuovi libri in simboli per tutti i bambini.

Fare Leggere Tutti collabora all'edizione di libri in simboli di Edizioni Homeless Book, una casa editrice faentina che si dedica alla pubblicazione di albi illustrati in simboli dal 2016.

> SCOPRI LA COLLANA "COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA" DI EDIZIONI HOMELESS BOOK <